Merantau ( 2009 )

Partiamo con il senno di poi, con gli occhi ad un paio di anni di distanza da questo titolo puntando dritto dritto a The Raid un must see dell’action moderno che strappa dalle mani della Tahilandia lo scettro di “paese del bel pugno ” mettendo in lista anche l’indonesia, beh Merantau è il seme che porterà a quel titolo il frutto acerbo dell’amore fra il regista Gareth Evans e l’attore Iko Uwais.

Credo che parlare molto della trama sia inutile, il protagonista è un campagnolo praticante di arti marziali che a fine corso viene spedito a farsi una vita a Jakarta con la scusa di diventare adulto e dopo 4 dico 4 minuti nella grande città decide di prendersi una cotta per una ballerina e che prendere a scarpate un pappone locale per proteggerla fosse un ottima idea, mettendosi contro lui ed un paio di boss americaniinglesi e finendo per doversi scontrare con ogni singolo uomo messo in mezzo fra lui ed il suo amore appena conosciuto, mui complicato vero ??.

Merantau passa sopra la trama elementare e il budget poverissimo con la forza dei suoi combattimenti,acerbi rispetto al successivo The raid, ma di pregevole coreografia con tanto di fight scene nello stretto che vede scontrarsi l’allora debuttante Iko con il futuro ” Mad dog ” Yayan Ruhian all’interno di un ascensore fra calci e pugni a non finire.

Per gli amanti dell’azione Merantau è una tappa obbligatoria, sicuramente un passo sopra il 6, faceva presagire quanto di buono c’era nel cast e nella regia e si sa che chi ben inizia è a metà dell’opera.

Stay Tuned