Recensione Film : Kingsman (2015)

Matthew Vaughn, il regista di questo film , ha preferito questo film alla possibilità di girare x-men giorni di futuro passato ,perchè a detta sua Kingsman riflette più la sua personalità , ora finendo la visione del suddetto film ho quasi paura di quale sia la sua personalità .

Vaughn infatti torna a quello che aveva già fatto con Kick-Ass ,solo che se in nella prima pellicola la “parodia” era legata ai super eroi , qui tutto è trasportato al mondo spionistico ,un mondo dominato dai film di Bond e derivati ,a cui Kingsman rende numerosi omaggi , ma al contempo ibrida con un tocco molto più moderno e “caciarone”, i fantastici dialoghi fra il villan interpretato da Samuel L Jackson ed il personaggio interpretato da Colin Firth Galahad, che intavolano una discussione sui vecchi Bond ed i loro stereotipi, quasi fosse un post-it  per ricordarci  quello che il film sposta nella tavolozza del genere cinematografico.

Kingsman è tratto da un fumetto intitolato The secret service scritto da  Mark Millar , lo stesso di Kick-Ass e Wanted , ma il regista ha praticamente cambiato tutto il contenuto di quest’ultimo tenendone solo lo stile , cosa che se fosse stata fatta ad un opera Marvel o DC ora Matthew avrebbe folle con forconi sotto casa da mattina a sera.

Una pellicola che mostra l’eleganza dei vestiti da gentleman ma si comporta come un hooligan al pub durante una sbornia ,alterna completi su misura e tonnellate di parolacce, può permettersi di spingersi oltre quello che normalmente è concesso ala categoria ( le teste che esplodono a tempo musicale sono una chicca trash superata solo dalla richiesta di sesso della principessa di Svezia ) .

Il film  intrattiene ed agisce senza sosta, nelle scene più action stacca tantissimi colleghi, scegliendo combattimenti acrobatici e molto dinamici , ma utilizzando un inquadratura simile al piano sequenza che non rende mai confusionaria la scena , compresa quella della chiesa ; ha il grandissimo merito di ridare ai gadget delle spie quel valore importantissimo che avevano nei primi anni 80 .

Un cast di bei nomi,oltre a Colin Firth e Jackson  troviamo Michael Caine ,Mark “Skywalker” Hamill,Taron Egerton,Mark Strong , Sophie Cookson e jack Davemport ed ognuno di essi ha sfoderato una prestazione all’altezza con un Firth a proprio agio nelle scene di azione ed un Jackson che come sempre da l’impressione di divertirsi quando il progetto ha qualcosa di folle.

cappellino e zeppola fintissima …ma sempre assolutamente sul pezzo

Consigliatissimo per passare una serata con un bel film senza perdersi molto a capire la trama , un film ad uso rapido.

Stay tuned