Crea sito

Browse Tag: drugs

The Loved Ones ( 2009 )

the loved ones

All’avvicinarsi del ballo della scuola, la timida e impacciata Lola si vede rifiutata da Brent, la reazione di Lola e della sua famiglia però sarà ben diversa dalla normalità.

Alla regia e alla sceneggiatura di The loved Ones troviamo Sean Byrne ( The Devil’s Candy ), un debuttante della macchina da presa alle prese con un titolo horror made in Australia che si muove in equilibrio fra il genere adolescenziale ( alla “Dawson’s Creek” ) e il torture porn con estrema efficacia.

Una trama sulla carta sicuramente banale e a tratti leggermente forzata, ma che riesce a essere sempre fluida e gradevole che ha il pregio di chiudersi su se stessa come un cerchio perfetto,  visto il genere di appartenenza specificato in precedenza siamo in presenza di un alto quantitativo di scene splatter \ mediamente disturbanti per uno spettatore poco abituato, l’insieme però è lontano dagli standard del cinema Underground ( A.k.a potete guardarlo senza stare male ) .

The loved Ones funziona grazie ai suoi personaggi fatti di buona recitazione e volti giusti al posto giusto a partire da Robin McLeavy ( Heel on wheels ) passando per Xavier Samuel ( Fury ) e john Brumpton (Deep Water )

Sicuramente non è un capolavoro irrinunciabile, ma supera brillantemente la prova prendendosi la sufficienza e qualcosina in più, secondo me Byrne può diventare un nome da segnarsi per il futuro.

Stay Tuned

 

Beyond the black Rainbow ( 2010 )

Pur essendo profondamente sedata, una giovane donna cerca di scappare dall’Arborea Institute, isolata, comune futuristica; questa trama è presa direttamente dalla pagina di IMDB in quanto a conti fatti dopo 110 min di film non ho trovato nessun diavolo di aggancio per sintetizzare una trama di mia spontanea volontà .

Beyond the black Rainbow rappresenta l’opera prima del regista e sceneggiatore Panos Cosmatos, uno sci-fi che rimanda al finire degli anni 70 inizio 80, la trama infatti si sviluppa nel 1983 come ci spiega una scritta iniziale seguita da un video in VHS che sembra appena strappato da un episodio di Lost girato sotto acidi .

vi giuro io non so che diamine sia questo

Potete considerare la sua estetica affine a quella di L’uomo che fuggì dal futuro, Solaris e 2001 odissea nello spazio ( OH OH OH tu che hai già in mano il forcone… sto parlando di mera ricerca estetica non sto paragonando i film quindi fai il bravo e metti giù la forca),per non parlare della colonna sonora tutta sinth , andate a cercare Anonymous degli SSQ  per farvi un idea.

La realtà e che probabilmente Panos perso nel viaggio interiore alla ricerca del filtro rosso perfetto e delle linee più simmetriche si è dimenticato di dare sostanza alla sua creatura,dove per sostanza intendo un mix anche solo basilare di trama e qualche piccola spiegazione in chiaro per quello che getta sullo schermo,perchè il risultato ottenuto tolto un impianto stilistico decisamente accattivante è un gigantesco trip da droga sintetica che si sviluppa in maniera lentissima in un mare di monologhi spesso senza logica per lo spettatore.

Il cast si riduce a pochi personaggi di cui solo Michael Rogers ( Fringe ) dotato di lunghi dialoghi mentre la protagonista Eva Bourne ( Capirca ) non proferirà mai parola, solo qualche mugugno.

Se vi attirano i film vuoti ma con una bella confezione mettete Beyond the black Rainbow nella vostra lista ed andrete sul sicuro, altrimenti il sonnellino ( e/o gli incubi ) sono assicurati.

Stay Tuned.

 

Autobahn – Fuori controllo ( 2016 )

Germania, autostrade , inseguimenti ed è subito Cobra 11, più o meno questo dev’essere il trigger che è scattato nella mia testa guardando la locandina di Autobahn – Fuori controllo nome simpatico attaccato dai solito ignoti titolisti italiani al film chiamato in patria Collide, ma si sa se getti nel titolo un riferimento alla nota autostrada senza limiti ( che compare si e no in mezza scena ) qualche spettatore extra lo porti a casa.
Eran Creevy ( Shifty ) è il nome alla regia di questo film molto anni 90 dove lui ex- criminale molla la brutta gente per la donna della sua vita e mette la testa a posto, ma torna al vecchio lavoro per un ultima volta per aiutare lei a sconfiggere una malattia ( 1 like = 1 preghiera per lei ) e le cose ovviamente non vanno  per il verso giusto.

_

Autobahn – Fuori controllo è un frenetico insieme di buche narrative su cui vengono fatte sfrecciare ad alta velocità auto sempre diverse che il protagonista ruba qua e la nel suo viaggio, quasi come le modelle che nei varietà cambiavano vestito ogni 10 min sul palco; con un finale buono dove i 2 giovani innamorati combattono soli contro il mondo diciamo che graficamente è tutto molto carino però la trama è trita e ritrita  .

Sarò onesto, i trigger di quella locandina sono stati 2, il primo è quello che ho già citato inizialmente mentre il secondo era il cast, un filmetto che esce abbastanza di soppiatto nei nostri cinema che vanta come protagonisti Nicholas Hoult ( Mad Max fury road ), Felicity Jones ( Rogue One ), ma soprattutto Ben Kingsley ( Ghandi ) e Anthony Hopkins ( Il silenzio degli innocenti ) tutti alle prese con personaggi tagliati molto grossolanamente con l’accetta, ovviamente Ben e Anthony spiccano come sempre nonostante siano usati con il contagocce e probabilmente pagati al minuto .

Autobahn – Fuori controllo è un film che galleggia attorno alla sufficienza, non mi ha convinto molto però è un buon film per una serata tranquilla sul divano con birra e popcorn in attesa di una maratona di cobra 11.

Stay Tuned.

Antibirth ( 2016 )

Inizio subito con un accompagnamento adatto per calarvi nello spirito del film  :

In un sobborgo del Michigan infestato da ex marines spacciatori, prostitute e strani predicatori , Lou una party addicted dedita ad alcool e droghe si risveglia dopo un party in preda a strani sintomi,la sua amica Sadie crede che sia incinta nonostante lei dichiari di non aver avuto relazioni con nessuno da lungo tempo, da questo momento la situazione diventerà sempre più strana ed oscura

Antibirth è il film di debutto alla regia e sceneggiatura per Danny Perez il quale si è divertito a creare un mondo molto creepy di stampo anni 80 dove ambientare un body horror, non è un paragone a livello di qualità , ma per rendere l’idea è Cronemberg  e Brian Yuzna che prendono in mano la scenografia del grande Lebowsky per farne una loro versione .

provino per E.R ??
provino per E.R ??

Una pellicola originale senza alcun dubbio, il degrado, sia quello urbano, sia quello fisico che riguarda Lou invade lo schermo per tutti i circa 90 min di proiezione, in questo clima hanno la loro parte anche strane trasmissioni TV di sottofondo, personaggi inquietanti e teorie cospirative, una miscela degna delle migliori droghe psichedeliche e che sicuramente rende Antibirth un film adatto solo allo spettatore amante dei body horror o abituato al cinema fuori dai generi ordinari .

Un bellissimo viaggio a livello visuale (  stile Refn in trip ) con una colonna sonora ben scelta e orchestrata, nel cast troviamo :  Natasha Lyonne ( Orange is the new Black ) ,Chloë Sevigny ( American Horror Story ) ,  Mark Webber ( Green Room ) , Meg Tilly (Psyco 2) , livello in linea con il budget non altissimo e facce giuste al posto giusto .

In realtà tutto questo insieme è tanto strano quanto poco concludente, Danny è alle prime armi e  la trama poco matura prende la sua piega nel finale risolve ( se così si può dire ) i dubbi , chiude il cerchio e saluta tutti in maniera fredda e frettolosa , lasciando all’osservatore il compito di capire cosa diamine ha appena visto ,questo ovviamente rovina parzialmente l’opinione che ho avuto di questo titolo, portandolo sotto il 6 , sicuramente da mettere in lista se vi piacciono le stranezze.

Stay Tuned

 

Happy Birthday (2016)

2 amici per festeggiare un compleanno partono per un viaggio con l’intento di sperimentare il  “vero mexico” offerto da Mexicali , la loro idea di weekend divertente però viene leggermente cambiata dagli eventi .

Happy Birthday è un film Black Commedy /  Horror ad opera di Casey Tebo, con un passato nel mondo del cinema ma qui alla prima esperienza come regista e sceneggiatore in un film che contiene sesso , droga , rapimenti,cartelli della droga , omosessualità , razzismo e violenza animale, tutto però senza mai cadere in un clima di vero horror, quest’etichetta di film d’orrore a fine visione mi è infatti rimasta abbastanza misteriosa ed inconcepibile visto che si limita ad una sottilissima venatura di fondo .

Venatura immersa in una trama semplice che prova a piazzare due twist sul finale, il primo colpo di coda non colpirà sicuramente tutti gli spettatori mentre il secondo forse avrà effetto su qualcuno in più,recepire o no questi cambi in anticipo può rovinare il parere sulla sceneggiatura ma non troppo, l’atmosfera generale di Happy Birthday è infatti più da commedia , con un ambientazione e personaggi sopra le righe volutamente allo scopo di dare una rappresentazione folkloristica del Mexico ( non Tijuana ) e dei turisti USA  .

Beh uno Steve così è sempre fantastico

Sicuramente il punto che più di tutti tiene a galla la nave è quello legato ai personaggi solidi e strani quasi in stile Tarantiniano ,  interpretati da un buon cast che vede partecipare al film attori come Matt Bush ( The Goldbergs ) , Erik Palladino ( 666 park avenue) ,Matthew Willig ( Agent of S.H.I.E.L.D ) ,Britne Oldford ( American Horror Story) , Vanessa Lengies (glee) ed il personaggio più strano di tutti ovvero lo sciamano nelle mani del cantante leader degli Aerosmith Steven Tyler .

Non un capolavoro ma un discreto film Low Budget da serata tranquilla , ben girato ma con qualche correzione poteva puntare ad aggiungere un pizzico di  paranoia al clima che avrebbe reso la situazione più intrigante .

Stay Tuned

 

The Trust (2016)

2 poliziotti insoddisfatti delle loro vite decidono di cogliere la loro occasione per svoltare,saltare la barricata e tentare un improbabile rapina.

Alla regia di questo The Trust troviamo 2 esordienti Alex & Benjamin Brewer,un thriller dalla trama già vista in altri film e proprio per questo solida, con la particolarità di mostrarci una Las Vegas diurna diversa dal solito background con Blackjack e squillo di lusso ( anche se…in realtà le squillo ci sono ) .

Dai Nick è tempo di guadagnare qualche spiccio

Ammetto che vedere un film con Nicholas Cage sta diventando un atto di fiducia,un gioco d’azzardo con 2 ore della tua vita in palio,potresti finire per vedere una emerita sola cosi come un buon film , ma siccome al buon Nick vuoi tanto bene e quei baffetti in locandina ti hanno preso il cuore la visione è obbligatoria.

solo lui riesce a recitare in maniera credibile cosi

E questa volta la fiducia paga, come già scritto The Trust è solido,prende dei binari semplici e non li molla più , bello il contrasto fra i 2 protagonisti , il primo un professionista serio, preparato, scientifico e studioso ma sfruttato sul lavoro che vive ancora con suo padre ,il secondo un ragazzotto un pochino sbandato e svogliato perfino sotto le coperte, ma i due sono strani amici e compagni di sventure; bello pure il twist finale che preme sull’acceleratore della serietà senza tanto preavviso dando al film un aria molto migliore , ennesima dimostrazione che una cosa semplice ma fatta bene da sempre i suoi buoni risultati.

Ora fatevi avanti per l’anello

Il primo nome del cast è già uscito , insieme al baffutissimo Nick troviamo anche Elijah Wood, in eterna lotta con il ruolo di Frodo,piccola parte anche per un mostro come Jerry Lewis e per Sky Ferreira.

Soddisfatto del mio salto della fede, un film da 6 1/2,ogni tanto Nicholas Kim Coppola qualche titolo lo indovina ancora .

Stay Tuned

 

Blood Father (2016)

Un ex-detenuto ritorna in campo per salvare la sua scapestrata figlia di 17 anni scappata di cada e ora nelle grinfie di un gruppo di spacciatori intenzionati ad ucciderla.

Tratto dall’omonimo libro di Peter Craig Blood Father è un thriller action francese diretto da Jean-François Richet ( quello di Assault on Precinct 13 del 2005),88 minuti di cinema vecchio stampo quando i proiettili in scena si pagavano alla tonnellata e lo stealth era casa per 007 e soci.

Vi giuro io non sono Liam

Trama semplice proposta in maniera ruvida e violenta ma che funziona in modo fluido ,basata sul rapporto padre\figlia tipo una specie di Taken con Liam Nelson ma con una figlia molto più bad-ass , la marcia in più di questo film è sicuramente l’attore protagonista ovvero Mel Gibson , che in cerca di sponsor per girare il ritorno della passione di Cristo decide di passare del tempo a menare le mani e non porgere l’altra guancia a nessuno con un look mix tra Easy Rider e Mad Max e la stessa voglia di non mollare di Braveheart,dimostrazione del valore aggiunto importantissimo di avere l’uomo giusto al posto giusto .

Sicuramente non è l’unico, insieme a Mel infatti troviamo la figlia interpretata da Erin Moriarty  ( Jessica Jones ) e poi Diego Luna ( Star Wars: rogue one ) ,Michael Parks ( Grindhouse ) e William H. Macy ( Shameless) , tutti attori in grado di fornire una prova solida e senza sbavature.

Fosse uscito qualche decennio fa magari il punteggio sarebbe  stato un tantino più alto, ma siamo comunque abbondantemente oltre il 6 ,ben fatto.

Stay Tuned.

Urge (2016)

Un gruppo di amici si riunisce per un weekend “epico” fatto di relax e divertimento su un isola, ma la gita prende una brutta piega quando il gruppo finisce per sperimentare una nuova droga chiamata Urge che toglie i freni inibitori.

Urge è un Thriller del 2016 ad opera del debuttante Aaron Kaufman , rientra in quella categoria ( sempre + diffusa) dove troviamo un nome da serie A in locandina, il quale è evidentemente pagato a minuti e finisce per farne molto pochi , in questo caso la scelta è cascata sull’ex 007 Pierce Brosnan, la cui presenza fra i nomi sicuramente incide nelle scelte dello spettatore ( nonostante la vocina alle mie spalle urli …IS A TRAP ) .

Paura e delirio a las vegas ??

La natura oscura che anima ogni uomo se lasciato senza freni in balia dei propri istinti anche se non esattamente il top di originalità è un ottimo terreno di cultura per una storia se ben sfruttato, cosa che Urge non fa,galleggia sul banale mostra il declino umano con qualche scena visivamente d’impatto senza mai addentrarsi nel terreno della psicologia e senza premere sull’acceleratore della violenza ,anzi direi che è andato per tutto il tempo con il freno tirato mirando più allo stile che a dare un “anima” all’opera, che oltretutto finisce per avere un misterioso plot hole che nelle intenzioni iniziali doveva probabilmente servire a creare diversi strati interpretativi nella trama , ma che per esempio nel sottoscritto ha contribuito solo ad una grossa perdita di punti in quanto non viene nemmeno accennato un senso logico alla situazione.

Come avrete facilmente dedotto siamo nel mondo dei personaggi 2D , con grosse caselle tipo Riccone ,segretaria zerbino , Nerd frustrato , giullare del gruppo , tutti molto belli da vedere e molto vuoti nemmeno un tentativo grossolano di creare empatia con noi spettatori, escludendo il già citato Brosnan nel film troviamo altri attori come Justin Chatwin ( Shameless) , Danny Masterson ( Yes Man) , Ashley Greene( Twilight),Alexis Knapp ( Pitch Perfect) , ma nessuno di loro offre una gran prestazione.

Sotto la soglia della sufficienza, poteva e doveva prendersi una dose di Urge e perdere i freni invece risulta incompleto,sicuramente non consigliato.

Stay Tuned

 

Cattivi Vicini (2014)

In attesa dell’uscita del seguito di questo film nelle sale italiane ho compiuto un operazione di recupero di questo film ; Cattivi Vicini,una commedia delirante girata da Nicholas Stoller ( In viaggio con una rock star ) che prende tanto tanto spunto dagli anni 80 , tanto da sembrare per certi versi un mix di Animal House e I vicini di casa ( Entrambi con John Belushi ).

Ma prima una perfetta canzone

Nel film troviamo una giovane coppia con un neonato,alle prese con i nuovi vicini ovvero una tipica confraternita universitaria made in USA , dedita ad alcool ,droga e festeggiamenti esagerati, ai quali la coppia vuole porre fine , in ogni modo .

Una commedia con momenti nonsense, allusioni sessualmente espliciti e battute volgari,sullo sfondo il tema della maturità e del passare del tempo, la contrapposizione fra i 2 stili di vita e l’invidia reciproca che i 2 “capi tribù” hanno ,uno vede il suo futuro incerto e l’altro vede nel confratello quella che una volta era la sua vita, in generale il film è divertente  girato con momenti in stile videoclip musicale e con alcune scene molto carine , ma non è riuscito a strapparmi tutte quelle risate incontrollate che forse erano previste (parere puramente personale) mi sarei aspettato molto di più in alcuni momenti, il tasso di citazionismo all’interno di Cattivi Vicini è altissimo (si cita Batman,De niro, Braking Bad, Animal House )  .

stai parlando con me ??

A capo della scalmanata banda dei confratelli c’è Zac Efron ( Nonno Scatenato) insolito nel ruolo di “cattivo” mentre come capo famiglia abbiamo Seth Rogen (The Interview) uno che in questo genere di film a base di nonsense e volgarità ci sguazza, a completare il trio di protagonisti troviamo anche Rose Byrne ( Moira McTaggert di X.men l’inizio e seguiti) ,buona prova per tutti ma la recitazione in questo genere di film è un piacevole surplus più che un fondamentale.

Certamente non siamo davanti ad un film imperdibile,ma Cattivi vicini giunge nettamente alla sufficienza, personalmente nonostante l’amplio successo non  mi sarei spinto fino ad un sequel, ma aspetto la visione del suddetto per esprimermi al meglio.

 

Stay Tuned

 

 

Nonno Scatenato (2016)

Con gli ultimi strascichi dei  Cinema Days sono tornato in sala per vedere Nonno Scatenato,prima di iniziare a parlarne vorrei capire il motivo esatto che ha portato i traduttori a voler palesemente forzare la traduzione del titolo originale  Dirty Grandpa (nonno sporcaccione)rendendolo assonante con un classico del cinema di De Niro come Toro Scatenato (1980) , totalmente imbarazzante.

beh ….cosi per dare un idea

Dopo questa precisazione tornamo a Nonno scatenato , una commedia delirante  scritta da John Phillips  e diretta da Dan Mazer , per darvi un idea di cosa vi possiate aspettare dal film vi dico che Dan non è un famoso regista ma è stato fino ad ora un  collaboratore più o meno costante di Sacha Baron Cohen (Borat, Il Dittatore)  e che ha lavorato allo screenplay di un delirio come Bruno ; quindi il WTF gli scorre puro nelle vene.

nei cinepanettoni questo si fa dal lontano 1995

Ed infatti ci troviamo catapultati in una commedia dove il cervello è da lasciare spento , lo sai fin da subito se hai guardato o ascoltato un trailer ma lui ci tiene a mettere subito in chiaro le cose facendoti cacciare il primo facepalm dopo meno di 30 sec di film,da quel momento in poi non hai scampo , sai quello che vedrai, una storia rodata,nulla di originale , il ragazzo dalla vita che credeva perfetta che cambia rotta dopo un avventura nonsense con un personaggio da poco ricomparso nella sua vita ,unica differenza e che i personaggi sono nonno e nipote, la trama non è ovviamente un punto dove soffermarsi più di tanto .

Abbiamo attimi WTF,sesso,razzismo ( contro sesso ,religione e colore della pelle ), droga , linguaggio scurrile praticamente il pacchetto full inclusive delle commedie di basso livello ,devono piacere allo spettatore, ma la dose di ciò che mostra (anche a livello di nudo ) è ben bilanciata facendo si che a differenza di altre commedie dello stesso livello le situazioni risultino sempre gradevoli e riescano a strappare più di un sorriso , se non è il vostro genere però sarete davanti ad un opera che troverete rude, io vi ho avvisato.

premio personaggio migliore

Il cast ruota attorno a De Niro (Gli intoccabili ) e Zach Efron (Cattivi vicini ) e le bellissime Zoey Deutch ( Vampire Accademy ) e  Aubrey Plaza (Scott Pilgrim vs. the World ) oltre a loro troviamo Jason Mantzoukas ( Il Dittatore ) ,Dermot Mulroney(The Grey ) ed altri ,come la trama anche la recitazione non è fondamentale che sia perfetta, ma i personaggi a loro assegnati sono ben tracciati e funzionano .

Certamente non un film da vedere a biglietto pieno in sala, nemmeno se amate alla follia il nonsense, ma rimane un film discreto e non per tutti i palati ,nel mio caso prende la netta sufficienza.

Stay Tuned

 


Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com