The 9th Life of Louis Drax ( 2016 )

Uno psicologo, alle prese con il caso di un bambino molto incline agli incidenti, si ritrova coinvolto in un mistero che mette alla prova i confini della fantasia e realtà.

Dire qualcosa di più su The 9th Life of Louis Drax senza fare un minimo di spoiler è difficile, forse l’opera di Alexandre Aja ( Quello del remake di Le colline hanno gli occhi ) e basato su un racconto di Liz Jensen’s rientra nel novero di quelle che è meglio guardare senza cercare informazioni o trailer in modo tale di poterselo gustare a pieno.

Un film thriller che abbina ad una fotografia molto emotiva ad uno stile narrativo lento, ma necessario per toccare tutte le corde la storia vuole sfiorare fino ad arrivare ad imboccare la via di un finale tortuoso che porta The 9th Life of Louis Drax totalmente verso atmosfere più fantasy e che potrebbe far storcere il naso a chi non ama questo genere di soluzioni.

Non pensare alla stanza rossa, non pensare alla stanza rossa…

Nel cast troviamo Jamie ” vi prego non ricordatemi solo come Mr Gray” Dornan, Sarah Gadon ( Maps to the Stars ), Aiden Longworth e Aaron ” Pinkman ” Paul, buone prestazioni ,soprattutto per l’inaspettato ex amante del bondage, ma non abbastanza per portare il titolo verso porti sicuri.

A conti fatti The 9th Life of Louis Drax viaggia a cavallo della linea tra il reale e il soprannaturale, non porta mai davvero a compimento la sua premessa cupamente intrigante,raggiunge la sufficienza senza andare oltre.

Stay Tuned